Creta

Diario di viaggio Creta 4/7 maggio 2012

Questo viaggio nasce in maniera estemporanea, una domenica pomeriggio di aprile, navigando sul sito della Ryanair trovo un’offerta imprendibile: a/r da Bologna a creta dal venerdi’ al lunedi’ 52 euro in 2. Noleggio macchina: 90 euro. Decido di comprare i biglietti ed affittare la macchina. Partenza il primo venerdì di maggio. Con un solo giorno di ferie dal lavoro facciamo un assaggio, speriamo, d’estate ad un prezzo conveniente. Non siamo mai stati a Creta. La scorsa estate abbiamo visitato il continente: penisola del Pelio, le Meteore, Parga.

4/5/2012

Partiamo cosi’ il 4 di maggio alle ore 17,20. Volo ottimo in arrivo a Creta con 10 minuti di anticipo. Presa la macchina a nolo prenotata (una fiat panda) raggiungiamo la punta ad ovest: la spiaggia di falasarna. Qui abbiamo prenotato per tre notti una stanza da un’affittacamere (Anastasia) che ci era stata consigliata da una “turista per caso” che aveva pubblicato un bel diario e che avevo contattato per avere informazioni su tragitti e accomodations. Costo 30 euro a notte. Il tragitto dall’aeroporto a falarsana e’ in parte su superstrada e lo copriamo in circa un’ora. Di notte non riusciamo a scorgere molto del paesaggio: molte locande spuntano sulla strada, la campagna coltivata abbonda di ulivi. Arriviamo da Anastasia alle 23 circa e ci accoglie molto calorosamente. La sua casa e’ circondata di fiori che emanano un ottimo profumo. La stanza e’ grande, pulita e ha una enorme terrazza che si affaccia sul mare. Sotto le pecore pascolano nei campi e nel buio della notte si scorge con l’udito lo scampanellio. Solo la luna illumina tutto cio’ che ci circonda accompagnata dalle stelle che ci fanno sperare in bel giorno che ci attende. Trascorriamo cosi’ la nostra prima notte nella terra del Minotauro.

5/5/2012

Ci alziamo presto, il cielo tende al sereno ma ci sono alcune nuvole dietro alle montagne che nel corso della giornata scompariranno. La temperatura e’ un po’ freschina, ma anche quella con il passare delle ore migliorera’. Decidiamo di partire alla scoperta della spiaggia sotto casa Falarsana (in linea d’aria saremo 350 mt), e poi di andare Elafonissi. Falasarna si presenta come una spiaggia di sabbia molto ampia, circondata da alcune strutture turistiche e molte serre per la coltivazione di ortaggi. E’ sicuramente una bella spiaggia ma il mare e’ molto aperto e anche mosso in questi giorni. Decidiamo di procedere dunque per Elafonisi che i diversi racconti e guide narrano come un paradiso con acqua bassa dove e’ sempre possibile fare il bagno. La strada per raggiungere questa spiaggia (48 km ~) ci sorprende con superbi scorci e mutamenti…dalle scogliere ai paesaggi di montagna. Attraversiamo diversi paesini che offrono come sempre ricettivita’ ai turisti. La stagione pero’ e’ solo all’inizio! Prima di arrivare a Elafonissi sostiamo al monastero di Hrissoskalitissa, a picco sul mare. La vista (2 euro) rivela un piccolo museo e la chiesa con una stupenda icona di una madonna in argento. Il cielo e’ blu di un colore unico, l’edificio bianco spicca su di esso, i colore dal mare unico. Gli immancabili gatti vigilano sonnolenti l’ingresso. Procediamo per. Elafonissi . Le strutture turistiche si intensificano ma non sono soffocanti…siamo poi pur sempre in bassa stagione! Arriviamo alla spiaggia facendo l’ultimo km su sterrato. Mano a mano che avanziamo lo splendore di questa spiaggia si rivela. Non si riesce a raccontare il colore del mare…occorre vederlo. E’ praticamente un atollo, con i tipici colori caraibici, la spiaggia e’ ampia, solo mi minimamente attrezzata, costeggiata da piante e dune. Oltre la spiaggia il mare bassissimo e un isolotto che si puo’ raggiungere a piedi. Il colore della sabbia e’ rosa. In pratica….un paradiso! Esploriamo la spiaggia e camminiamo verso l’isolotto. L’acqua e’ fresca ma e’ comunque possibile fare il bagno. Nicola si addentra su di esso, lo aggira e scopre un deserto fatto di dune e rocce nere nell’acqua. E’ la’ che decidiamo che sebbene sia un po lontana dalla nostra dimora, elefonisi sara’ la nostra meta anche domani. Stiamo in spiaggia fino alle 16…purtroppo non ci eravamo attrezzati per il pasto e comunque la brezza marina diventa un po’ fastidiosa. Decidiamo di andare e fermarci in una taverna limitrofa vista mare. Cosi’ mangiando yogurt greco possiamo beneficiare i nostri occhi della bellezza della spiaggia. Al ritorno ci fermiamo in un mini market a fare dei panini. La signora molto disponibile si ricorderà’ di me e della mia avversita’ al formaggio anche il giorno dopo…preparando i panini! Torniamo a Falasarna facendo la strada interna, attraversando nuovi paesini tutti molto tipici, costeggiando la gola di Koutsamatados su cui buttiamo un occhio e fermandoci a vedere una chiesa nel paese di Elos e facendo amicizia con un simpatico cagnolino che ci seguiva fedelmente. Arrivati a casa doccia, panini e pianificazione del giorno successivo. Prendiamo in esame diverse possibilità’….ma alla fine decidiamo di prendercela con calma…e sebbene abbiamo solo tre giorni, optiamo di tornare ad Elafonissi..quella spiaggia ha catturato i nostri cuori.

6/5/12

Di buon ora ci alziamo…il cielo e’ terso! Dopo aver chiacchierato con l’amichevole Anastasia che parla un ottimo italiano, partiamo per la volta di Elafonissi. Prediamo i panini nel solito market, e scendiamo in spiaggia. Decidiamo di attraversare subito il mare a piedi e di recarci dietro all’isolotto. Troviamo una baietta isolata e ci fermiamo la’. Sole, azzurri di mille sfumature, rocce nere, conchigliette minuscole, sabbia rosa, acqua sufficientemente calda per poter fare in bagno, dune. Un silenzio rotto solo dalla brezza. Siamo la’ tutto il giorno…fino alle 18.00. Riattraversiamo il mare sempre piu’ bello e torniamo a casa. E’ un arrivederci…! Un pezzo del nostro cuore e’ rimasto la’. Tornando a Falasarna, ci fermiamo in una taverna vista mare a pochi km da casa nostra. Facciamo cena accarezzati da un dolce tramonto. Praticamente e’ il primo pasto completo dopo alcuni giorni di panini, insalata greca e yogurt! Decidiamo di mangiare carne….per 26 euro in 2 prendiamo zucchine fritte, tzatziki, maiale, agnello e patatine (questi ultimi sono piatti unici), birra mytos e acqua. Le porzioni non sono abbondanti…di piu’! Nicola come sempre onora i locali prendendo un Greek coffe ( solo lui sa come fa a berlo) e ci offrono del raki con dolcetti. Siamo piegati! A Reggio Emilia con 26 euro ci mangia una persona una pizza, un dolce ed una birra. Torniamo a casa e pianifichiamo il nostro ultimo giorno.

7/5/12

Il volo partira’ alle 21. Dobbiamo lasciare la macchina alle 19.00. Abbiamo tutto il tempo per visitare dei monasteri e citta’ di Hania, di origine veneziana. Niente mare….il giorno precedente Nicola si e’ un po’ cotto…diciamo che torneremo al lavoro e si vedra’ un certo colorito! Salutata e pagata Anastasia, (90 euro per 3 notti), partiamo per la volta del monastero di Moni Gonia che sorge su un altura limitrofo un piccolo porto. Questo sara’ il primo di 3 monasteri che visiteremo oggi….luoghi di culto molto affascinanti. Tutti hanno una corte interna che rivela poi la facciata della chiesa. Il silenzio ed il rispetto partendo dallo stesso vestiario e’ d’obbligo. Partiamo alla volta di Hania. Ia periferia e’ un po’ caotica…ma il centro storico si rivela un gioiello. La dominazione veneziana ha lasciato splendide architetture che sono ben conservate. Localini, negozietti, taverne, camere in affitto, botteghe di artisti, moschee, chiese cattoliche ed ortodosse fanno parte di questo centro storico. Mangiamo in una bellissima taverna dentro un cortile con piante ed arredato con gusto. 2 piatti principali, 2 antipasti, birra, caffe’ acqua 32 euro. Terminiamo il nostro giro acquistando dei prodotti al mercato coperto. Una struttura molto tipica dove si possono comprare sia prodotti alimentari che cosmetici che mangiare. Prendiamo la macchina e terminiamo il nostro giro con la visita nei due ultimi monasteri sulla penisola di Hania: M.Ayia triadha e M.Gouvernetou. Sono due luoghi che mi sento di raccomandare per una visita…bellissimi nel loro genere e per la loro collocazione. Sopratutto il secondo si faccia sul mare circondato dalla macchia e il blu intenso del cielo. Le colonne delle facciate interne di questi due hanno bellissimi capitelli. I giardini sono in fiore e il profumo di fiori e arance nell’aria. Le icone come al solito molto interessanti. Nel secondo il Pope prega ed intensifica ancora di piu’ il valore di questo luogo sacro.

Andiamo in aeroporto, lasciamo la macchina e facciamo un po’ di conti. Abbiamo percorso circa 400 km. Stare qui 3 giorni ci e’ costato 250 euro di cibo take away, cena e pranzo in taverne, benzina, alloggio, piccoli acquisti. A questo aggiungiamo 110 euro per macchina compresa di assicurazione kasko, 50 euro di viaggio in 2. Siamo ad un totale di 410 euro, 205 a testa. Un fine settimana corto in Italia sarebbe purtroppo costato di piu’…e questo dovrebbe farci un po’ riflettere purtroppo. La gente e’ molto ospitale, cordiale e dignitosa. Tutti parlano un buon inglese turistico. Al di la’ di questo, il nostro non sara’ di certo un addio a Creta….questo e’ stato solo un assaggio…un break necessario dopo il freddo inverno, un piacevole assaggio che stuzzica il nostro appetito. Mediteremo il prossimo anno una visita piu’ lunga ed accurata. Bye bye Creta…!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s